Lombardia: rientra allarme esondazione Po

L’allarme esondazione del Po nel tratto lombardo in seguito alle eccezionali piogge degli ultimi giorni sta lentamente rientrando: il colmo di piena proveniente dal Piemonte ha infatti lasciato indenni sia il tratto pavese sia quello lodigiano, ed è attualmente in transito in prossimità della sezione di Cremona, dove permane lo stato di preallarme rosso fino alla notte tra oggi e domani”.

Lo ha affermato in una nota l’assessore al territorio e Protezione civile di Regione Lombardia, Pietro Foroni, spiegando che “sulla base degli attuali scenari di previsione si prevede nelle prossime 24 ore un incremento dei livelli del Po sul tratto terminale cremonese e quindi sul tratto mantovano”.

“Viceversa – ha proseguito – nel tratto Pavese i livelli saranno in discesa al di sotto della soglia 2 (moderata criticità tra il Ponte della Becca e Spessa Po) e in quello lodigiano in generale discesa, anche se a Piacenza sono ancora attesi al di sopra della soglia 3 (elevata criticità) almeno fino a domani”.

“Nonostante le previsioni meteo indichino probabili precipitazioni sparse nella giornata di oggi, la situazione sembra volgersi lentamente ma gradualmente al meglio” ha precisato Foroni, concludendo che “naturalmente la sala operativa della Regione Lombardia prosegue in maniera costante il monitoraggio della situazione, grazie anche al supporto dei volontari della Protezione civile e degli Uffici operativi di AIPo, e in stretto contatto con il sottoscritto e con il presidente Fontana”.