Maltempo: da lunedì brusco calo delle temperature

Proprio nel cuore dell’estate un’insolita perturbazione seguita da aria piuttosto fresca in quota, raggiungerà l’Italia e il Mediterraneo nella giornata di lunedì causando un brusco peggioramento delle condizioni meteorologiche su gran parte del nostro Paese, segnatamente sulle regioni di Nord-Ovest e del medio-alto Tirreno, aree che saranno interessate da precipitazioni diffuse e localmente intense, anche a carattere di nubifragio e di temporale”. Lo ha detto il meteorologo Andrea Vuolo, in una intervista riportata da Askanews. “Si tratterà di una situazione piuttosto anomala per questo periodo dell’anno, tanto che nel pomeriggio di lunedì le temperature risulteranno intorno – o anche inferiori – ai 20°C tra Piemonte, Ovest Lombardia, Emilia occidentale e aree interne della Liguria”.

Lunedì 15 luglio sarà una giornata di maltempo soprattutto al Nord-Ovest e sul Tirreno centro-settentrionale – aggiunge – con nubifragi e forti temporali su Piemonte, Liguria, Ovest Lombardia, Ovest Emilia e medio-alta Toscana: dagli ultimi aggiornamenti modellistici, non sono da escludere anche locali criticità di carattere idrogeologico per precipitazioni intense e persistenti in particolare sulla zona dell’Isola d’Elba e del Livornese, così come sulle zone pedemontane di Piemonte e Lombardia e sulle aree appenniniche della Liguria: in queste zone saranno infatti possibili accumuli pluviometrici localmente superiori ai 100-150 millimetri in 18-24 ore. Piogge moderate al Nord-Est e perlopiù deboli sulle regioni centrali adriatiche, in miglioramento dal tardo pomeriggio; al Sud e sulle Isole maggiori rovesci e temporali in arrivo entro sera, localmente intensi nella notte su martedì tra Campania, Calabria e Sicilia”.

“L’arrivo di aria piuttosto fresca in quota (fino a 6/7°C a 1.500 metri sulle Alpi occidentali), favorirà nevicate sui rilievi montuosi del Nord-Ovest a partire dai 2.500 metri, ma temporaneamente anche intorno ai 2.200 metri in Piemonte durante i rovesci più intensi nella prossima notte e nella mattinata di lunedì, una notizia sicuramente positiva per i ghiacciai alpini dopo la storica ondata di caldo della fine di giugno e dell’inizio di luglio – spiega ancora Vuolo – la perturbazione si sposterà rapidamente verso Sud, causando ancora rovesci e temporali sulle regioni meridionali nel corso di martedì, con ampie schiarite invece al Centro-Nord insieme ad un generale rialzo delle temperature pomeridiane, dopo una mattinata piuttosto fresca (minime fino a 13-15°C in Val Padana); mercoledì bel tempo quasi ovunque, ma giovedì – conclude – saranno possibili nuovi temporali al Nord, specie su Alpi, Prealpi e alte pianure”.