Laura Pausini star solidale e stilista per le “Baby Pelones”

“In questa foto sono con Guille, un dolcissimo bambino spagnolo. L’ho conosciuto grazie alla Fondazione Juegaterapia, con la quale ho collaborato per il progetto #BabyPelonesJT, omaggio ai bambini affetti da tumori”.

View this post on Instagram

In questa foto sono con Guille, un dolcissimo bambino spagnolo. L’ho conosciuto grazie alla Fondazione @juegaterapiaorg, con la quale ho collaborato per il progetto #BabyPelonesJT, omaggio ai bambini affetti da tumori. Ogni foulard è disegnato da un artista diverso e quella che vedete in foto l’ho disegnata insieme a mia figlia Paola. Le Baby Pelones arrivano in Italia grazie a una collaborazione tra JuegaTerapia e l’ @istituto_tumori di Milano (INT) e in particolare con la Pediatria Oncologica. L’acquisto di ogni bambola andrà a finanziare la ricerca sullo studio molecolare dei tumori rari dell’infanzia. Conto sul vostro aiuto! ❤️ Los BabyPelones llegan también a Italia para ayudar a la investigación sobre el cáncer infantil. BabyPelones are just arrived to Italy to help the research for the childhood cancer. As bonecas BabyPelones também chegam à Italia para ajudar na pesquisa sobre o câncer infantil. Les BabyPelones arrivent en Italie aussi pour aider la recherche sur les tumeurs infantiles. #Juegaterapia #Ragdolls #Help #Love

A post shared by Laura Pausini Official (@laurapausini) on

Il post di Laura Pausini è dolcissimo, ad ufficializzare la sinergia avviata con la fondazione spagnola ideatrice delle “Baby Pelones”, le bambole lanciate nel 2014 per aiutare i piccoli pazienti oncologici a rapportarsi meglio con il proprio stato di salute e sensibilizzare l’opinione pubblica sul cancro infantile. Durante il 2017 le bambole hanno acquisito grande popolarità in Spagna, con oltre un milione di vendite, e sono state donate ai bambini ricoverati negli ospedali di Spagna, Brasile, Colombia, Portogallo, Argentina, Messico e di Miami. Ora lo sbarco in Italia, grazie alla collaborazione con la pediatria oncologica dell’Istituto nazionale dei tumori di Milano.

Ogni foulard è disegnato da un artista diverso – ha scritto Laura Pausini – e quella che vedete in foto l’ho disegnata insieme a mia figlia Paola…. L’acquisto di ogni bambola andrà a finanziare la ricerca sullo studio molecolare dei tumori rari dell’infanzia. Conto sul vostro aiuto!”

Oltre alla Pausini, tra i testimonial dell’iniziativa, Shakira, Ricky Martin, il cantautore David Bisbal. Con i fondi raccolti, in Spagna sono state finanziate due borse di studio e realizzati il progetto “El Jardín de Mi Hospi” (giardini sui tetti degli ospedali) e “Stazioni lunari” (stanze di isolamento arredate con temi dedicati allo spazio).