Ambiente: per liberarci dalla plastica, possono aiutarci … le api

Un materiale ecologico 100% naturale, composto da fibra di cotone olio di jojoba e ingrediente speciale, la cera d’api.

E’ la soluzione inventata a Castelfranco Veneto per liberarsi una volta per tutte dalla plastica. Si chiama Apepak e, a differenza della pellicola trasparente, non inquina e può essere riutilizzato 100 volte per singolo foglio.

Apepak è fatto di cotone biologico certificato o riciclato dagli avanzi dei laboratori tessili italiani. La cera d’api, la resina di pino e l’olio di jojoba sono forniti da apicoltori e aziende italiane, con quindi una grandissima cura per i dettagli e le materie prime

L’idea e la realizzazione sonon state curate da una cooperativa sociale che si è affidata ai social per la comunicazione del prodotto.

Si presenta come un panno di cotone, che lavorato con cera d’api e olio di jojoba diventa modellabile e resistente, così da essere utilizzato per ricoprire gli alimenti. Essendo traspirante consente al contenuto di respirare garantendo, ad esempio a pane, frutta e formaggi di mantenersi integri.

E stato calcolato che l’utilizzo di Apepak consentirebbe ad esempio di:
Risparmiare 9 kmq di involucri di plastica all’anno
Remunerare 3 giorni di lavoro di api da miele italiane
Sostenere l’agricoltura di cotone biologico e dare una nuova vita agli avanzi dei laboratori tessili italiani.

“L’idea ci è arrivata da un nostro amico negli Usa che ha registrato il marchio Apepak -ha spiegato la vicepresidente della cooperativa – per noi però ha anche un’altra valenza: quella che questa produzione si trasformi in posti di lavoro per persone svantaggiate, Ci sono già alcuni prodotti similari ma stiamo cercando di avere un prodotto più ecologico possibile.”

View this post on Instagram

Ecco come nascono gli Apepak: dal laboratorio artigianale Sonda. #Apepak si basa su un modello di #business  #etico La produzione è gestita dai membri di #Sonda Società #Cooperativa #Sociale #Onlus, persone con problematiche psico-sociali di diversa #natura che, tramite questo lavoro hanno la possibilità di riguadagnare la propria #dignità #sociale. Acquistando questo prodotto sostieni le loro vite. Prima di iniziare questo #progetto ci siamo chiesti per molti anni: È possibile ai nostri tempi essere #competitivi nel mercato e allo stesso tempo creare un modello di business inclusivo, affinché il lavoro ritorni ad essere un'attività gioiosa, generosa, sociale, di cui andar fieri? Si può creare un economia del #bene dove tutte le parti ne guadagnano, incluso il nostro #pianetaterra ?

A post shared by Apepak (@apepak.it) on

Sul sito internet di ApePak si legge:

Sostituisce gli involucri usa e getta, ​È durevole, multiuso, malleabile, antisettico, sigillante, biodegradabile… Apepak è perfetto per portare un panino a scuola, la frutta in ufficio, far lievitare un impasto o sigillare il piatto degli avanzi. Un’idea, italiana, per gli appassionati di sostenibilità e per chi vuole ridurre i consumi di plastica monouso!