David di Donatello, trionfa Matteo Garrone con Dogman

“Che bella serata, grazie. Speriamo che se i televisori diventano sempre più grandi i cinema non diventino più piccoli”, ha commentato ieri Matteo Garrone ai David di Donatello, che grazie al suo film Dogman si è portato a casa ben 9 premi: miglior film, miglior regia, attore non protagonista (Edoardo Pesce), sceneggiatura originale, fotografia, scenografia, montaggio, trucco e suono. Un vero trionfo.

Tre statuette invece per Sulla mia pelle di Alessio Cremonini: Miglior regista esordiente, Miglior produttore e soprattutto Miglior attore. Alessandro Borghi, dopo aver ricevuto il premio dalle mani di Uma Thurman con le sue parole ha emozionato il pubblico in sala e quello a casa: “Questa statuetta è di Stefano Cucchi ed è un premio che voglio dedicare agli essere umani e all’importanza di essere considerati tali a prescindere da tutto”.

A Elena Sofia Ricci è andato invece il premio Miglior attrice per il film Loro di Paolo Sorrentino.

Dopo l’Oscar dello scorso anno, Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino continua a collezionare premi e ieri sera ne ha ricevuti altri due: per la canzone Mistery of Love di Sufjan Stevens e per la sceneggiatura non originale.

Durante la serata sono stati assegnati alcuni David speciali a Tim Burton, Uma Thurman e Dario Argento. Il regista ha ricevuto la statuetta dalle mani di Roberto Benigni che lo ha definito “un italiano come noi”.

Questi tutti i vincitori della 64esima edizione dei David di Donatello:

Miglior film – Dogman
Miglior regia – Matteo Garrone, Dogman
Miglior attore – Alessandro Borghi, Sulla mia pelle
Miglior attrice – Elena Sofia Ricci, Loro
Miglior attore non protagonista – Edoardo Pesce, Dogman
Miglior attrice non protagonista – Marina Confalone, Il vizio
della speranza
Miglior regista esordiente – Alessio Cremonini, Sulla mia pelle
Miglior sceneggiatura originale – Dogman
Miglior sceneggiatura non originale – Chiamami col tuo nome
Miglior montaggio – Dogman
Miglior fotografia – Dogman
Miglior scenografia – Dogman
Migliori costumi – Capri Revolution
Miglior trucco – Dogman
Migliori acconciature – Loro
Miglior musicista – Sascha Ring e Philipp Thimm, Capri Revolution
Miglior canzone originale – Sufjan Stevens, Mistery of Love
(Chiamami col tuo nome)
Miglior suono – Dogman
Miglior film straniero – Roma
Migliori effetti visivi – Il ragazzo invisibile – Seconda
generazione
Miglior documentario – Santiago, Italia
Miglior cortometraggio – Frontiera
Miglior produttore – Sulla mia pelle

(foto TgCom24)