I social e i 16enni: per l’attrice Maria Sole Pollio, non inizia e finisce tutto lì

E’ dedicata alla “Generazione Greta Thunberg” la copertina del numero speciale di Grazia in edicola questa settimana. Come volto rappresentativo è stata scelta l’attrice 16enne Mariasole Pollio che si è fatta conoscere su Youtube e oggi è fra le più popolari nuove attrici italiane, con un massiccio seguito anche in Rete.

View this post on Instagram

Mariasole,THIS IS YOUR FIRST COVER. I cannot describe to you the joy I felt when @silvia_grilli ,the manager of Grazia, wrote to me to offer me the cover of her newspaper….my first cover .. do you believe it? the beginning of a revolution, of a journey of a dream that is taking more and more life. THANKS to my wonderful team: @lapalumbocomunicazione AND @newcomgmt @nicvecchiotti @frafacchinetti @chiamatelamimi @gabriella_piluso that has always focused on me, with extreme care and love. Thank who believes in my project and in me. again to all the GRAZIA team : @fabioleidi for having captured my feelings in these shots, @cleocasini for fully interpreting my style, @sissybelloglio and @Stefanogatti for make up and hairstyle OUT TOMORROW with with a wonderful interview, where I tell you about me,free enthusiastic. Thank you God! Mamma papi e roby⭐️

A post shared by ☀️msp (@mariasole_pollio) on

I social sono una grande fetta della nostra vita. L’importante è sapere che non inizia e finisce tutto lì” – sottolinea Maria Sole, interpellata sul fatto che oggi sembra che tutti i ragazzi vivano prevalentemente sui social e credano che quella sia la vita vera, senza mai mettersi in gioco.
“Per me l’amicizia è quella reale, dal vivo, fatta di quotidianità – dice ancora – E so bene che la vita virtuale non è tutto. Anzi, sono molto gelosa del mio privato”. E a proposito di qual è la lezione migliore imparata sui social, rivela: “La verità paga sempre. Conta mostrare più chi si è che quello che si ha. Ed è la parte più difficile”.

Da tre stagioni fra i personaggi fissi della serie Don Matteo, la scorsa estate ha presentato Battiti Live, il programma musicale di Italia Uno e il regista Leonardo Pieraccioni l’ha scelta per interpretare sua figlia nel suo film Se son rose. Cosa vuole fare da grande Mariasole? “Amo questa vita. Recitare è una passione e credo di aver dato tutta me stessa per raggiungere certi obiettivi. Anche se ho fatto dei sacrifici non me ne sono accorta”.