Il centenario di Gianni Rodari comincia un anno prima

Nel 2020, precisamente il 23 ottobre, ricade il centenario dalla nascita di Gianni Rodari, ma è già partito il countdown in vista delle celebrazioni su www.100giannirodari.com, scandito da nuove pubblicazioni e iniziative.

Unanimemente considerato “re della fantasia”, vincitore nel 1970 del Premio Hans Christian Andersen, il Nobel della letteratura per l’infanzia, amava ripetere una speranza che è diventata una delle sua massime più belle, ovvero “‘Tutti gli usi della parola a tutti’ mi sembra un buon motto, dal bel suono democratico. Non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo”.

Per omaggiare lo scrittore, poeta, insegnante elementare ed anche giornalista, nato a Omegna, sul Lago d’Orta, e morto a Roma il 14 aprile 1980 sono state messe in cantiere una serie di nuove, preziose edizioni e mostre dei migliori artisti che hanno illustrato i libri dell’autore di ‘Grammatica della fantasia’ – testo del 1973 diventato un punto di riferimento – in allestimento in Italia e all’estero, con partner come la Fiera di Bologna e gli Istituti di cultura italiana nel mondo.

Nello speciale calendario di ‘100 Gianni Rodari’ hanno preso avvio anche letture, seminari e rappresentazioni teatrali ispirati all’opera del teorizzatore dell’assunto che “la fantasia rende liberi”. Secondo i promotori dell’iniziativa, “è un’esortazione: a moltiplicare per 100 la circolazione delle sue storie, a celebrare e diffondere i contenuti rivoluzionari della sua poetica, a formare una nuova generazione di piccoli, appassionati lettori tramite i suoi libri divertenti e profondi: ‘Favole al telefono’, ‘Filastrocche in cielo e in terra’, ‘Fiabe lunghe un sorriso’, ‘Il libro degli errori’, ‘Le avventure di Cipollino’, ‘C’era due volte il Barone Lamberto'”.