Indimenticabile David Bowie…

Venezia rende omaggio a David Bowie. Il prossimo 9 gennaio, per il 72esimo compleanno (li avrebbe compiuti l’8 gennaio) di uno degli artisti più amati di tutti i tempi, e a tre anni dalla sua scomparsa, al Teatro Goldoni si terrà un concerto che ripercorrerà il periodo più florido del Duca Bianco, ovvero quella tra il 1971 e il 1997.

Un atto considerato dovuto da quella che era una delle città preferite dal cantante di Life on Mars, un luogo dove si sentiva a casa e dove si rispecchiava in pieno. Li accomuna ancora oggi la bellezza senza tempo, l’unicità, il mistero, la decadenza, la malinconia, ma anche la forza e il carattere.

Il mondo non riesce proprio a dimenticare Bowie, tanto che le iniziative in suo onore sono sempre più numerose.
Il prossimo 8 gennaio infatti arriverà un’app per far rivivere ai fan l’esperienza di “David Bowie Is…”, la mostra che ha fatto il suo debutto nel 2013 al Victoria and Albert Museum di Londra e ha lasciato definitivamente i musei lo scorso mese di luglio dopo essere stata in Canada, Brasile, Germania, Stati Uniti, Francia, Australia, Olanda, Italia, Giappone e Spagna.

Qualche mese fa, invece, a Aylesbury, nella contea del Buckinghamshire, Inghilterra, è stata presentata un’opera che raffigura i diversi personaggi interpretati dal camaleontico artista. A luglio 2017 è stato invece inaugurato a Campocatino, Lucca, un busto del cantante in omaggio ai mesi trascorsi qui nel 1998 per registrare alcune scene del film Il mio west accanto a Leonardo Pieraccioni e Alessia Marcuzzi.