Misurare la felicità: si può

Il World happiness report è l’indice che misura la felicità stilato ogni anno dalle Nazioni Unite in riferimento a 156 Paesi nel mondo. Va da 0 a 10 (ma nessuna nazione si posiziona sopra 8 o sotto a 2) e misura sei diversi parametri: Pil pro capite, solidarietà sociale, aspettativa di vita sana, libertà nelle scelte di vita, generosità e corruzione percepite. La media nel mondo è circa 6,3 e l’Italia si posiziona esattamente a quel livello (6,2), ma molti Paesi europei la superano.

In realtà, questo indice più che la felicità misura le condizioni necessarie per essere felici (un buon tenore di vita, una comunità in cui la solidarietà è importante ecc…) per cui molti studiosi criticano il Rapporto, e fanno notare che non si può misurare collettivamente qualcosa che riguarda soprattutto i singoli individui.

(Fonte – Focus)