Perché esistono persone uguali a noi?

Quante volte vi è capitato di vedere qualcuno praticamente uguale ad un vostro amico? Secondo la scienza è normale, ognuno di noi potrebbe avere un doppelgänger o, più semplicemente, una sorta di gemello.

In tutto ciò non ci sarebbe nessun mistero, anzi, il motivo è semplice: esiste un numero finito di geni che influenzano la formazione del nostro volto e, per questo, è ovviamente possibile che questi possano combinarsi in maniera simile al punto da creare due, ma anche più, persone molto somiglianti.

Puoi mescolare un mazzo di carte quanto vuoi, ma, ad un certo punto, otterrai la stessa mano due volte” ha spiegato una ricercatrice della Cornell University che si occupa dell’argomento. Certo il nostro “mazzo di carte” genetico è più grande, basti pensare ai geni coinvolti nella forma del viso, a quelli degli occhi, della pelle, del naso, della sopracciglia, delle labbra, delle orecchie, ma il concetto è lo stesso.