Sicuri di essere “normali”?

Vi sentite buoni e padroni di voi stessi? Beati voi! Comunque sia vi converrebbe mettervi un po’ in discussione e vedere se avete alcune delle 6 cose “normali” che possono significare che non lo siete poi così tanto, anzi, tendenzialmente potreste essere psicopatici. Questo non vuol dire certo essere dei serial killer.

Gli psicopatici sanno cosa fanno e non si preoccupano delle conseguenze, neanche quando fanno del male ad altre persone. Non provano rimorso o senso di colpa, e soprattutto manipolano gli altri per ottenere ciò che vogliono.
Non significa, però, che tutti siano destinati a diventare criminali, il problema vero subentra quando a tutto questo si aggiungono fattori tipo aggressività, scarso controllo comportamentale e fascino per la violenza.
Ma torniamo a “noi”, diversi studi hanno rivelato caratteristiche, relativamente comuni, tra le persone affette da psicopatia, eccole:

1) studi in economia: uno studio danese ha analizzato i tratti correlati alla scelta della facoltà universitaria. Chi ha ottenuto un livello più alto di narcisismo, machiavellismo e psicopatia, nella maggior parte dei casi era iscritto a economia, piuttosto che a Psicologia o Legge.

2) no sbadigli . . . attaccati: in un test fatto a studenti texani, quelli con punteggi più alti non venivano contagiati dagli sbadigli come gli altri. Il perché potrebbe essere dovuto dalla mancanza di empatia.

3) preferire la notte: chi ama la notte ha dei tratti più vicini alla psicopatia rispetto a chi ama il giorno. Lo sostiene una ricerca australiana di qualche tempo fa, ma l’abbiamo sempre sospettato.

4) amare Eminem: un recente studio americano ha scoperto che gli psicopatici potrebbero avere delle preferenze musicali precise. No, niente musica classica come i serial killer del grande schermo, ma “No Diggity” dei Blackstreet e “Lose Yourself” di Eminem.

5) essere creativi: non è una novità, nei geni c’è sempre un pò di follia. Molti i creativi particolarmente disinibiti dal punto di vista emotivo, un elemento comune agli psicopatici.

6) restare amici degli ex: su un campione di oltre 800 persone, in California, quelle con maggiori tratti psicopatici tendono a mantenere gli ex partner nella loro vita. Le ragioni? Convenienza, senso del controllo e un certo “possesso” delle persone che hanno fatto parte della loro vita: vorranno mica dimenticarsi chi “comanda”?