sanremo

Festival di Sanremo: Conti, volevo il top. De Filippi, grazie a Mediaset

E’ ufficiale: a condurre il Festival di Sanremo, dal 7 all’11 febbraio, insieme a Carlo Conti ci sarà Maria De Filippi.

La 67.ma edizione della kermesse è stata presentata a Sanremo. “Per il mio terzo Festival volevo il top – ha detto Conti – e Maria è il top”. “La mia è una partecipazione – dice lei -. Darò tutta me stessa ma Carlo rimane il direttore artistico, io non ho sentito nemmeno le canzoni che saranno in gara”.

L’operazione Festival è quindi partita, togliendo l’ultimo velo a quello che era ormai un giallo risolto, a dispetto delle smentite di rito arrivate martedì dopo le anticipazioni di “Chi”. Carlo Conti ha aperto spiegando il perché della presenza di Maria De Filippi. “E’ il mio terzo Festival. L’anno scorso tornando a casa ho pensato a cosa avrei potuto inventarmi. Ci voleva il “top”, un’idea completamente diversa. E pensando al top ho pensato a Maria. A giugno circa ho fatto un colpo di telefono e abbiamo preso un caffè insieme. Ad agosto abbiamo cercato di concretizzare”.

“Una cosa è certa – ha aggiunto Conti – sono molto onorato che Maria abbia detto sì all’idea di questa co-conduzione con me. Un ringraziamento va anche ai vertici Mediaset che hanno dato il via libera a questa operazione”. Quindi un pensiero alla manifestazione, al di là della coppia di conduttori. “Dopo aver avuto il suo sì ho iniziato a pensare alle canzoni che comunque sono al centro del Festival – ha spiegato -. Quest’anno sono state ampliate con 22 cantanti in gara e poi abbiamo messo i giovani in apertura di serata. Il Festival deve continuare a essere una grande vetrina della musica italiana, una gara di canzoni”.

Per parte sua, Maria De Filippi, ha ringraziato la Rai e Conti “di questa proposta”, ma anche Mediaset, in particolare Pier Silvio Berlusconi, “che mi conferma la libertà con cui ho lavorato in questi anni”. Questo, ha aggiunto Maria “è il Festival della Rai e di Carlo ma non avrei mai accettato se non avessi stima per lui”. “Abbiamo punti in comune nel voler cercare non lo scandalo ma mettere al centro la canzone”.

“Ci tengo a sottolineare che Maria De Filippi partecipa al Festival di Sanremo a puro titolo gratuito – ha precisato Conti – Con quello che c’è costato non abbiamo più una lira per pagare gli altri. Quest’anno non ci saranno vallette, bastiamo noi due”.

Intanto ecco l’elenco delle cover che i Campioni in gara proporranno nella serata di giovedì 9 febbraio, reso noto da Carlo Conti:

Al Bano – Pregherò (Adriano Celentano)
Alessio Bernabei – Un giorno credi (Edoardo Bennato)
Bianca Atzei – Con il nastro rosa (Lucio Battisti)
Chiara – Diamante (Zucchero)
Clementino – Svalutation (Adriano Celentano)
Elodie – Quando finisce un amore (Riccardo Cocciante)
Ermal Meta – Amara terra mia (Domenico Modugno)
Fabrizio Moro – La leva calcistica della classe ’68 (Francesco De Gregori)
Fiorella Mannoia – Sempre e per sempre (Francesco De Gregori)
Francesco Gabbani – Susanna (Adriano Celentano)
Gigi D’Alessio – L’immensità (Don Backy)
Giusy Ferreri – Il paradiso (Patty Pravo)
Lodovica Comello – Le mille bolle blu (Mina)
Marco Masini – Signor tenente (Giorgio Faletti)
Michele Bravi – La stagione dell’amore (Franco Battiato)
Michele Zarrillo – Se tu non torni (Miguel Bosè)
Nesli e Alice Paba – Ma il cielo è sempre più blu (Rino Gaetano)
Raige e Giulia Luzi – C’era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stiones (Gianni Morandi)
Ron – Insieme a te non ci sto piu’ (Caterina Caselli)
Paola Turci – Un’emozione da poco (Anna Oxa)
Samuel – Ho difeso il mio amore (Nomadi)
Sergio Sylvestre – La pelle nera (Rocky Roberts)

In base al regolamento di quest’anno, solo sedici artisti avranno la possibilità di cantare la cover: gli altri sei saranno a rischio eliminazione.

Condividi sui social!