Loredana Bertè: “No il premio Mia Martini a chi promuove violenza”

Il Festival di Sanremo sta per iniziare, non senza polemiche, soprattutto quelle intorno alla figura della donna. In proposito ha voluto dire la sua anche Loredana Bertè, che fa una richiesta precisa: No il premio Mia Martini a chi promuove violenza fisica o verbale.

L’artista sui social ha scritto: “Chiedo ai giornalisti della Sala Stampa dell’Ariston di escludere, a priori, una possibile candidatura al “Premio della critica Mia Martini” di qualsiasi artista che promuova attraverso i suoi testi violenza fisica o verbale verso le donne o misoginia in generale. Mia sorella è stata per anni vittima di bullismo “verbale” e non credo che avrebbe mai voluto che il suo nome venisse associato a certi “soggetti” che andrebbero SQUALIFICATI (come avvenuto di recente e giustamente in un’altra trasmissione di successo) per istigazione alla violenza sulle donne e per il pessimo messaggio che arriva ai giovanissimi. Grazie… #noalsessismo“.

https://www.instagram.com/p/B7tG9F9iDFu/

Il tema è caldo e siamo convinti che Amadeus non stia passando notti tranquille. Il suo Sanremo ha tutte le premesse per essere un successo, ma purtroppo non sono mancate le polemiche, tra qualche dichiarazione fuori luogo e la scelta di cantanti a molti sembrata inopportuna. Adesso l’ultima parola spetta alla musica, speriamo non ci deluda, sarebbe veramente un peccato aver sprecato per l’ennesima volta la possibilità di utilizzare un palco come quello dell’Ariston nel migliore nel modi.

Il direttore artistico e presentatore del Festival è avvilito, ma convinto delle sue scelte, almeno questo dicono quelli a lui vicino. Intanto ha fatto sapere che anche Caludio Baglioni, che ha condotto la kermesse nelle ultime due edizioni, è dalla sua parte: “Andrà tutto bene”, gli ha scritto.