15 giugno: che fine fanno le mascherine?

Scade il 15 giugno l’ordinanza del Ministero della Salute emanata lo scorso aprile che sanciva l’obbligo di uso di mascherine in cinema, teatri ed eventi sportivi al chiuso.

Restano obbligatorie invece, almeno fino a settembre, in ospedali e Rsa, e, probabilmente sui mezzi di trasporto, “dove ci vuole ancora un po’ di prudenza”, come sottolineato dal sottosegretario alla Salute, Costa.

Intanto i dati del contagio sono rialzo e si discute sulla decisione di mantenerle in occasione degli esami di maturità.

E secondo quanto annunciato dal sottosegretario al termine dell’incontro fra i Ministri Bianchi e Speranza,”al prossimo Consiglio dei Ministri previsto per mercoledì potrà essere individuato il provvedimento” che ne abolisce l’obbligo.

I nostri ragazzi e le nostre ragazze – ha detto Cosa – potranno affrontare finalmente una delle prove scolastiche, tra le più impegnative della propria carriera, comunque in sicurezza, seppur senza alcuna restrizione.

Ho fatto mia, sin da subito, insieme al partito che rappresento, Noi con l’Italia, questa battaglia e sono decisamente soddisfatto del risultato raggiunto.

Ho sempre sostenuto che in questo specifico caso la decisione fosse principalmente politica e che ci fossero le condizioni, anche sanitarie, per prevedere lo stop all’obbligo di questi dispositivi di protezione.

Ancora una volta è stata la politica ad assumersi la responsabilità delle scelte.

Ringrazio il presidente Draghi e i Ministri Speranza e Bianchi per l’ascolto e la sensibilità dimostrata.

Abbiamo compiuto un passo decisivo e ottenuto un precedente importante verso il conseguimento dell’obiettivo che si è prefissato il Governo per il prossimo anno scolastico: iniziare la scuola in presenza e senza mascherine”.