Andrea Crisanti (microbiologia Uni-Padova), i focolai dell’epidemia sono attesi

I focolai dell’epidemia erano attesi e il rischio di dover chiudere di nuovo certe zone c’è”. E’ quanto pensa Andrea Crisanti, che dirige la microbiologia dell’Università di Padova e che ha spinto il Veneto a usare in modo massiccio i tamponi.

“E’ ciò che avevamo previsto – dice in un’intervista pubblicata su un noto quotidiano – ci aspettavamo di avere a che fare, passata l’ondata principale della pandemia, con questi focolai. Del resto il virus non se ne è andato”. Crisanti focalizza l’attenzione sugli asintomatici: “Sicuramente sì, anche loro. Sennò non avremmo ancora tutti questi casi. Poi se ci sono persone che si ammalano e hanno i sintomi, trasmettono ancora di più. Non capisco proprio come certi colleghi abbiano potuto fare affermazioni fuorvianti e non coerenti con le stesse direttive del ministero alla Sanità sul tema degli asintomatici.Si sono presi una grave responsabilità”.

Nel mondo “la malattia circola – aggiunge – in un giorno ci sono stati 180mila casi. Chi non ha fatto il lockdown ha problemi. Basta vedere la Svezia. Oppure il Brasile, dove sta succedendo un disastro non paragonabile alla situazione italiana. Lì il problema è che troppe persone non hanno il medico. Paradossalmente è una situazione simile agli Usa, dove 50 milioni di cittadini non vanno dal dottore. Il problema con questa malattia è che si diffonde molto rapidamente. La chiusura deve essere tempestiva. La Germania, che ha avuto i problemi nei mattatoi, nel giro di tre giorni ha bloccato due distretti”.

Per quanto riguarda l’Italia “forse potevamo farlo prima (chiudere, ndr), ma abbiamo agito bene sul lockdown. Per questo ora siamo in una situazione migliore di molti Paesi”.
Crisanti conclude: “Si vede un po’ di rilassamento. Gli italiani hanno avuto messaggi contraddittori dai politici, che non hanno dato il buon esempio. Prima si dice che siamo in pericolo, poi che bisogna sbrigarsi a riaprire tutto perché l’economia è la cosa più importante. Qui in Veneto un giorno si chiede di far ripartire le discoteche e quello dopo si invita a stare attenti. La gente ha bisogno di verità. Il virus circola ancora ed esiste un certo livello di rischio, come i casi di questi giorni stanno a dimostrare”.