Australian Open: Jannik Sinner fa la storia. Non ho dormito molto!

Sinner ha fatto la storia vincendo gli Australian Open dopo aver battuto il russo Medvedev.

Nel tennis italiano un uomo non vinceva uno slam da 48 anni, con Adriano Panatta nel 1976, nel femminile l’ultima vittoria nel 2015 con Flavia Pennetta agli Us Open.

Il giorno dopo il campione è ancora incredulo.

Al Royal Botanic Gardens di Melbourne l’azzurro ha cercato di spiegare emozioni e sensazioni.

Non ho dormito molto, ma ho provato grandi emozioni e pian piano mi sono reso conto di quello che ho fatto – ha raccontato da Melbourne – È un grande risultato per me e per la mia squadra. Quindi, sono davvero felice di essere qui”.

Dopo la vittoria ha ringraziato i tifosi, il suo team e i suoi genitori per averlo lasciato libero di scegliere.

Ovviamente c’erano molte emozioni nella mia testa subito dopo il match pointha aggiunto – il duro lavoro, i sacrifici che ho fatto durante tutta la mia carriera e condividere questo momento con la mia squadra è stata forse la sensazione più bella che ho avuto fino ad ora”.

Sono grandi emozioni. Ero semplicemente felice; ieri forse non riuscivo ancora a crederci, e ora comincio a rendermene conto, quindi è una sensazione bellissima. È bello essere qui, il tempo è bello”.

La stagione è cominciata nel modo migliore.

All’inizio di una stagione, non sai mai cosa accadrà e cosa sta succedendo – ha ribadito – Ma mi sentivo abbastanza preparato e pronto a fare bene qui. Onestamente non ci penso a eguagliare i 10 titoli di Djokovic.

Nole gioca in un campionato diverso. Sono felice di avere questo trofeo quest’anno, poi vedremo cosa accadrà. C’è ancora molto lavoro da fare, ma mi divertirò e poi vedremo cosa potrò ottenere in futuro.”