Coronavirus: i dati nel mondo e in Italia

L’America Latina e i Caraibi sono diventati da oggi la seconda regione più colpita al mondo dalla pandemia del nuovo coronavirus per il numero di morti dopo l’Europa. Lo scrive l’Afp.

Con 144.758 morti dichiarati ufficialmente nella mattina del 13 luglio, la regione ha superato i bilanci degli Stati Uniti e del Canada (144.023 morti complessivi), ed è dietro all’Europa, che ha 202.505 morti.

Il Brasile è il Paese più colpito della regione e rappresenta da solo 72.100 decessi (per 1.864.681 casi), o quasi la metà dei morti registrati in America Latina.

Dopo Brasile, Messico (35.006), che ha superato l’Italia per numero di morti, al quarto posto nel mondo, Perù (11.870) e Cile (6.979) sono i più colpiti. Gli esperti affermano che il numero ufficiale totale di morti per Covid-19 in America Latina è sottovalutato.

Intanto in Italia – ed i dati sono del 12 luglio – dall’inizio dell’epidemia di coronavirus, almeno 243.061 persone (+234 rispetto a sabato) hanno contratto il virus Sars-CoV-2. Di queste, 34.954 sono decedute (+9 di cui 8 in Lombardia e uno in Abruzzo, di conseguenza 18 Regioni non registrano decessi) e 194.928 sono state dimesse.

Attualmente i soggetti positivi dei quali si ha certezza sono 13.179. I pazienti ricoverati con sintomi sono 776 (-50, -6,1%; sabato -18), di cui 68 (+1, +1,5%; sabato +2) in terapia intensiva.