Coronavirus: Viminale, senza risultati altre scelte coraggiose

Se l’Italia non otterrà i risultati sperati contro l’epidemia da coronavirus con le misure adottate finora, il governo è pronto a nuove scelte coraggiose. Lo ha spiegato in una intervista ad un noto quotidiano, la ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese.

“Se non avremo i risultati sperati, siamo pronti a nuove scelte coraggiose”, ha sottolineato, ricordando come siano già stati effettuati 100mila controlli.

Per la ministra quello che occorre fare è “non solo imporre un divieto ai cittadini ma informare e convincere gli italiani che i comportamenti superficiali possono, soprattutto in questa fase difficile di contenimento del coronavirus, provocare danni gravissimi per la salute”.

Quanto poi al fatto che molti continuano ad uscire e al tema se sia possibile o meno fare passeggiate, il ministro si appella al buon senso: “Non possiamo comportarci come se nulla fosse accaduto, ignorando le minime precauzioni e raccomandazioni. Le uscite in compagnia e la permanenza prolungata all’aperto costituiscono situazioni di rischio che devono essere evitate”.

Se dovesse essere necessario – aggiunge la ministra sul tema dei controlli – interverremo per ampliare le attività di verifica e eventualmente per aumentare anche il numero dei soldati impiegati”.

Intanto il bilancio delle vittime in Italia tocca quota 1.016, con un incremento di 189 rispetto alla precedente rilevazione; 12.839 i malati, 1.258 i guariti.