Coronavirus: torna la paura per 85% degli italiani

Gli italiani tornano ad avere paura del Coronavirus. L’85% ammette di essere preoccupati o molto preoccupati, in netta inversione di tendenza dopo mesi di fiducia crescente.

E’ quanto emerge dalla prima indagine Coldiretti/Ixe’ sulla nuova ondata della pandemia, divulgata dopo la proroga dello stato di emergenza con l’adozione di misure più restrittive.

Una situazione che ha fatto tornare i livelli di preoccupazione degli italiani sui valori di inizio maggio nel periodo di lockdown.

L’indagine evidenzia che quasi la metà degli italiani (43%) conosce qualcuno che ha contratto il coronavirus tra familiari o parenti, amici o conoscenti.

La paura riguarda soprattutto la salute propria o dei congiunti. La grande maggioranza vede in prospettiva il peggioramento della situazione ed il pericolo di un nuovo lockdown.

Una possibilità destinata ad avere effetti disastrosi sul piano economico ed occupazionale. A dimostrarlo le proiezioni sull’andamento fortemente negativo del PIl nel 2020 ed i rischi per il lavoro.

Gli effetti colpiscono addirittura la spesa alimentare degli italiani che fa segnare un calo del 10% nel 2020 per effetto del crollo del canale della ristorazione non compensato dal leggero aumento della spesa domestica.

Questo nonostante nei mesi scorsi gli italiani si siano scoperti o riscoperti cuochi provetti ed abbiano valorizzato molti prodotti tipici ed anche non legati al territorio. Una modalità emersa dalle rilevazioni effettuate tanto nei negozi di quartiere che in quelli della grande distribuzione.

La spesa per mangiare è tornata indietro di dieci anni su valori del 2010 – conclude Coldiretti. A pesare è stata la chiusura durante il lockdown della ristorazione, ancora in sofferenza per le difficoltà economiche, lo smart working, la diffidenza dei consumatori.

Non irrilevante la diminuzione delle presenze turistiche, soprattutto dei visitatori provenienti dall’estero. Questi infatti rappresentano da tempo una fetta importantissima della clientela per il settore ricettivo e per quello legato alla ristorazione.