Energia: spesa in bollette sale a 1820 euro all’anno

Per effetto dell’aumento delle tariffe la spesa annuale in bollette di luce e gas delle famiglie italiane potrebbe arrivare a 1820 euro con un impatto sui conti delle famiglie ma anche sui costi delle imprese rendendo più onerosa la produzione in un momento difficile per il Paese.

E’ quanto afferma Coldiretti nel commentare l’allarme lanciato dal Ministro per la Transizione Ecologica Roberto Cingolani sui rincari sulle bollette delle famiglie che potrebbero arrivano a 500 euro su base annua.

La spesa media annuale per energia elettrica e gas e altri combustibili delle famiglie italiane è stata infatti pari a 1320 euro nel 2020 secondo l’analisi Coldiretti su dati Istat.

L’aumento della spesa energetica dunque ha un doppio effetto negativo perché riduce il potere di acquisto dei cittadini e delle famiglie, ma aumenta anche i costi delle imprese.

Con l’aumento dei prezzi di benzina e gasolio, ai rincari dei costi di produzione si aggiungono quelli del trasporto in un Paese come l’Italia dove l’85% delle merci viaggia su strada con l’aumento dei prezzi dei carburanti che ha un effetto valanga sulla spesa.

A subire gli effetti del caro prezzi è l’intero sistema agroalimentare dove i costi della logistica arrivano ad incidere fino dal 30 al 35% su prodotti freschi per frutta e verdura secondo una analisi di Coldiretti su dati Ismea.

A proposito dell’emergenza “caro bollette”, il ministro della transizione ecologica Roberto Cingolani, intervenendo ad un convegno della Cgil a Genova ha ribadito che “la transizione ecologica non può essere fatta a spese delle categorie vulnerabili”.

Lo scorso trimestre – ha ricordato – la bolletta elettrica è aumentata del 20% e in questo aumenterà del 40%.

Se l’energia aumenta troppo di costo, le nostre imprese perdono competitività e i cittadini, soprattutto quelli con un reddito medio-basso, faticano ulteriormente per pagare dei beni primari come l’elettricità in casa”.

Queste cose vanno considerate perché sono egualmente importanti rispetto alla transizione ecologica.

Finché io avrò l’onore e l’onore di occupare questa posizione farò di tutto perché le due cose non vengano mai scisse”.

Non esiste la transizione ecologica se non c’è anche quella sociale. Dobbiamo ricordarci che c’è una transizione sociale che deve andare di pari passo alla transizione ecologica”.