Epifania: calza Befana in 1 casa su 2

 
Nonostante la preoccupazione per la risalita dei contagi, ha resistito la tradizione della calza della Befana, appesa in quasi una casa su due (44%) mentre ad una minoranza del 10% la Befana porta altri regali ed il resto non festeggia.

Emerge da una elaborazione Coldiretti/Ixe’ per la Festa dell’Epifania con iniziative si sostegno alla campagna di vaccinazione e di solidarietà ai piccoli in difficoltà.

Come nell’ HUB Vaccinale Covid 19 – Mandela Forum – a Firenze dove nel giorno dell’Epifania a favore dei bambini dai 5 agli 11 anni è stato previsto l’arrivo della Befana per consegnare ai piccoli vaccinati la prima calza a km zero con i prodotti naturali delle aziende agricole.

Sempre per iniziativa di Coldiretti e Campagna Amica per i bambini ricoverati all’Ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari è arrivata la “calza sospesa”’ con i dolci a KM 0, fatti secondo le ricette antiche delle nonne.

Comunque iniziative per riempiere la calza della Befana per i bambini sono state organizzate lungo tutta la Penisola nei mercati di campagna Amica.

Se tradizionalmente nella calza c’erano cioccolate, caramelle e carbone dolce, la spinta verso una migliore alimentazione ha contagiato anche la Befana e in molte famiglie tornano anche fichi e prugne secche, nocciole, noci e soprattutto biscotti fatti in casa.

Anche se resta forte il richiamo della tradizione è cambiato dunque il contenuto delle calze “appese” al camino dalla simpatica vecchietta che in passato ai più “discoli” regalava solo aglio, peperoncino, patate e carbone vero.

Per molti bambini infatti l’arrivo della Befana è anche l’occasione per ricevere gli ultimi regali delle feste con giochi e giocattoli, spesso anche per sanare le delusioni del Natale.

Da qualche anno però l’appuntamento si è diffuso anche tra gli adulti che sfruttano l’occasione per scambiarsi o farsi doni, anche simbolici, spesso approfittando dell’inizio della stagione dei saldi.

Una ultima occasione di festa fa salire a quasi 8,2 miliardi il valore dei regali acquistati durante le festività di fine ed inizio anno.