Imprese: UECoop, 4 su 10 in banca per crisi liquidità

Oltre 4 imprese su 10 (41%) sono andate in banca nell’ultimo anno a chiedere un finanziamento.

E’ quanto emerge dall’indagine dell’Unione europea delle cooperative (Uecoop) su un campione di imprese da nord a sud dell’Italia, in riferimento alle conseguenze della pandemia sul sistema economico.

Si chiedono finanziamenti per resistere alla crisi e affrontare le scadenze più urgenti, data la diminuzione del giro d’affari e della liquidità in cassa.

La pandemia – sottolinea Uecoop in una nota – sta mettendo a dura prova tutti i settori.

Dai servizi al commercio, dalla logistica alla manifattura, dall’agroalimentare al turismo con il crollo dei consumi nazionali del 10,8% e la chiusura di oltre 390mila attività in Italia.

Chi è stato costretto a chiedere prestiti alle banche per 6 volte su 10 (61%) si è visto concedere il finanziamento senza problemi.

Quasi 1 caso su 3 (29%) si sono dovuti sostenere garanzie e costi aggiuntivi mentre il 10% delle domande è stato respinto senza erogare i fondi alle aziende.

A fronte di uno scenario di sofferenza sociale, con il rischio che la situazione peggiori quando finirà il blocco dei licenziamenti – evidenzia Uecoop – è necessario attivare prima possibile gli aiuti a imprese e famiglie con le risorse messe a disposizione dall’Unione Europea.