Istat: nel 2021 natalità più bassa di sempre

Sul fronte delle nascite “sarà più preoccupante il 2021 perchè “di fatto nel 2020 noi abbiamo visto, nel mese di dicembre rispetto al dicembre dell’anno precedente, una caduta dei nati nell’ordine del 10%, legato ai minori concepimenti avvenuti ad aprile

E’ l’allarme lanciato dal presidente dell’Istat, Gian Carlo Blangiardo, in audizione al Senato sull’assegno temporaneo per figli minori.

Abbiamo visto – ha spiegatoa gennaio 2021 una diminuzione del 14% rispetto al gennaio dell’anno precedente”.

Anche “a febbraio abbiamo avuto una più ridotta riduzione, sembra poi che il dato di marzo segni un ritorno alla normalità ma attenzione che la seconda ondata, con l’effetto di paura generato, probabilmente produrrà nei mesi di luglio, agosto, settembre e ottobre del 2021 una diminuzione di natalità legata ai concepimenti della fine dell’anno precedente”.

La conclusione di tutto questo – ha aggiunto – è che il 2021 lascia intendere un bilancio di nati che presumibilmente scenderà sotto la soglia delle 400mila unità: ancora una volta il record della più bassa natalità di sempre nella storia del nostro Paese”.