Juventus: anche Blaise Matuidi positivo dopo Daniele Rugani

Solo qualche giorno fa, su Instagram il centrocampista francese Blaise Matuidi scriveva, tra l’altro “in questo momento difficile per tutti, vorrei semplicemente invitare a seguire bene le indicazioni ufficiali ed a prendervi cura di voi stessi e delle vostre famiglie …” .

https://www.instagram.com/p/B9wmbB2Iy7f/

Oggi la Juventus ha comunicato “Il calciatore Blaise Matuidi è stato sottoposto a esami medici che hanno rivelato la sua positività al Coronavirus-COVID-19. Il calciatore, da mercoledì 11 marzo, in isolamento volontario domiciliare, continuerà a essere monitorato e a seguire lo stesso regime. Sta bene ed è asintomatico”.

Matuidi è il secondo giocatore juventino a risultare positivo dopo Daniele Rugani.

Intanto, in Italia ma anche all’estero – gli interrogativi sulle gare da terminare sono ancora molti.

La Uefa spinge affinché si torni in campo il 21-22 aprile. Questa ipotesi è considerata da scartare dalle federazioni, sostenute tra l’altro dai medici che la sconsigliano vivamente. In ogni caso, a oggi, l’obiettivo è quello di far ripartire le coppe il 13 (sicuramente a porte chiuse) in modo da liberare il calendario almeno di uno slot.

Limitandoci alla Serie A, la Lega ha provato a ipotizzare delle date buone per ripartire. Ci sono ancora da giocare 12 partite di campionato, i recuperi (per chi li ha), e tre partite di Coppa Italia (il ritorno delle semifinali e la finale).

Cercando di essere ottimisti le date per ripartire potrebbero essere il 2, il 9 o il 16 maggio. Nel primo caso si riuscirebbe a chiudere la stagione il 28 giugno come chiesto dalla Uefa, negli altri due, si sforerebbe luglio (il 5 o il 12). In ogni caso si tratterebbe e si tratterà di calendari affollati con 4 turni infrasettimanali sicuri più le coppe per le italiane ancora in corsa.

La Coppa Italia finirebbe al 20-21 maggio per le semifinali e al 18 giugno per la finale. L’Europa League, ma questo è già stato deciso, si concluderà il 24 giugno e la Champions il 27. Tutto in un fiato. Sperando che ripartire sia davvero possibile.