Maltempo: migliaia di mucche, pecore e capre a rischio

Sono migliaia i bovini, le pecore e le capre a rischio in Toscana.

La caduta della neve ha bloccato la viabilità sulla montagna nel pistoiese ma anche in Lucchesia e Garfagnana.

Tutte zone dove sono stati mobilitati anche i trattori degli agricoltori per pulire le strade e togliere dall’isolamento case, aziende e stalle.

Emerge dal monitoraggio di Coldiretti  che sta seguendo l’evolversi dell’emergenza maltempo.

Il crollo repentino delle temperature, unito alla neve caduta su orti e stalle, rischia di danneggiare le produzioni invernali, rendere difficile l’alimentazione degli animali e la consegna di latte e prodotti agricoli.

Nel Pistoiese le difficoltà maggiori si registrano nelle zone di alta collina e montagna in particolare fra i comuni di San Marcello Piteglio, Abetone Cutigliano e Sambuca Pistoiese dove gli allevamenti temono un ulteriore assedio della neve e del ghiaccio previsto nelle prossime ore.

In provincia di Lucca e in quella di Massa Carrara, dove ci sono allevamenti bovini da carne e da latte, produzioni di formaggi, ortaggi, farro e prodotti del bosco, oltre ai problemi di viabilità si aggiungono quelli per le comunicazioni con linee telefoniche e internet tagliate dalla bufera.

Difficoltà a raggiungere le aziende agricole nell’entroterra di Genova e un metro di mezzo di coltre nevosa anche nel Savonese.

È necessario intervenire immediatamente – conclude Coldiretti.

Occorre infatti ripristinare la viabilità montana e liberare i tetti di stalle e abitazioni prima che eventuali piogge rendano il peso insostenibile.