Matrimoni: riapertura salva 1 mln di posti

Sono oltre un milione i posti di lavoro, fra diretti e indotto, nel settore dei matrimoni in Italia salvati dalla riapertura di feste e cerimonie dalla metà di giugno.

Lo afferma l’Unione europea delle cooperative (Uecoop) in riferimento alle ultime decisioni del consiglio dei ministri tramite il nuovo decreto legge sulle misure legate all’emergenza Covid.

Nonostante la persistenza di alcune limitazioni, dal pass vaccinale ai tamponi, dalla distanza fra i tavoli all’elenco degli invitati con il Covid manager, la ripartenza delle cerimonie rappresenta una prima boccata di ossigeno.

Il comparto con la pandemia ha visto cancellare quasi 1 matrimonio su 2 (-47,5%) nel 2020 rispetto all’anno precedente – spiega Uecoop su dati Istat – con un crollo del 90% del fatturato e un trend negativo che continua anche nel 2021 secondo Assoeventi.

Dalla ristorazione alla fotografia, dai trasporti al florovivaismo, dai viaggi all’abbigliamento, dall’immobiliare fino alla vigilanza privata la crisi generata dal Covid ha stravolto i bilanci delle 80mila realtà che operano nel settore. 

L’emergenza sanitaria ha costretto migliaia di coppie pronte a convolare a nozze a contrattare rimborsi o voucher per riorganizzare nei tempi e nei modi il pronunciamento del fatidico con danni economici e problemi organizzativi e psicologici.

Nell’ultimo anno la preparazione del giorno più bello si è trasformato in una specie di incubo con i futuri sposi, relativi familiari e ospiti costretti a rinviare tutto con una giungla di disdette, fornitori da pagare e servizi da riorganizzare.