Olimpiadi: Tokyo sta lavorando a taglio cerimonie e riduzione spettatori

Le Olimpiadi di Tokyo si terranno dal 23 luglio all’8 agosto del prossimo anno; i Giochi Paralimpici tra il 24 agosto e il 5 settembre, ma in Giappone si sta già valutando la possibilità di semplificare il format dell’evento al fine di prevenire la diffusione del coronavirus.

Secondo il Japan Times le modifiche potrebbero includere una riduzione del numero di spettatori e un ridimensionamento delle cerimonie di apertura e chiusura. La fornitura di servizi medici, incluso lo svolgimento di test di reazione a catena della polimerasi su atleti, personale e spettatori, e le restrizioni sulle uscite dal villaggio degli atleti verrebbero inoltre sospese come possibili misure contro il virus.

A marzo, il Comitato olimpico internazionale e il governo giapponese hanno rinviato le Olimpiadi, inizialmente a partire dal 24 luglio, per un anno a causa dell’epidemia di COVID-19.Il primo ministro Shinzo Abe aveva affermato che le Olimpiadi e le paralimpiadi dovrebbero essere tenute in una “forma completa” e ha respinto un’opzione per ridurre la portata dei giochi. Oggi, tuttavia, il segretario del gabinetto capo Yoshihide Suga non ha chiarito se il governo terrà fede al suo impegno. “È anche estremamente importante ospitare dei Giochi sicuri e protetti”, ha detto il portavoce del governo durante una conferenza stampa.

Secondo Japan Times il comitato organizzatore e il CIO stanno già discutendo delle revisioni dei loro piani operativi per ridurre i costi e adottare misure contro il virus. “Speriamo di lavorare insieme con il governo e il comitato organizzatore per esaminare ciò che può essere semplificato”, ha detto il governatore di Tokyo Yuriko Koike. “Sarà necessario per ottenere empatia e comprensione da parte del pubblico”.