Riaperture: le ipotesi sul tavolo

L’ipotesi di riaperture rilancia le speranze delle Regioni, che fanno pressing sul governo.

Sul tavolo di oggi – spiega Askanews – sarà presentata all’esecutivo una bozza di linee guida.

La nostra è una posizione di grande responsabilità – ha sottolineato il presidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga.

Per combattere la pandemia le persone devono muoversi con le istituzioni e quindi le istituzioni devono essere in sintonia con la gente”.

Tante le ipotesi al vaglio, probabilmente si inizierà con bar e ristoranti nelle zone gialle.

Dalla prima metà del mese solo a pranzo mentre dalla seconda metà anche a cena, con un allentamento del coprifuoco che dovrebbe slittare verso la mezzanotte.

Poi con il via agli Europei dell’11 giugno, allo stadio di Roma, anche palestre e piscine potranno alzare la saracinesca.

Sarà comunque la cabina di regia convocata dal premier Draghi a delineare il percorso, in base alla curva dei contagi.

E’ di queste ore una dichiarazione del Ministro del lavoro Andrea Orlando, secondo cui un conto è chiedere percorsi per le riaperture, un altrosparare date a caso” e “annunciare aperture senza averle preparate”.

Il nostro compito è prepararle e non annunciarle – ha detto – e arrivare in modo progressivo a un allentamento”.

Secondo Orlando bisogna fare “passi lunghi quanto la gamba”, definiti dall’andamento dei vaccini e dalla curva epidemiologica.