Sanremo: Indies, appello per rilancio settore Musica dal Vivo

Un appello per il Rilancio Settore Musica dal Vivo durante il Festival di Sanremo.

E’ quello avanzato da Indies, organismo che rappresenta etichette indipendenti, festival e contest per emergenti, artisti indipendenti associati e tanti altri operatori del settore del Made in Italy musicale.

In una nota, si sottolinea nonostante il periodo di “stop” del settore (che dura di fatto da un anno per l’80% degli operatori mentre il restante 20% ha parzialmente ripreso in estate ma con esiti economici spesso negativi) è stato confermato il Festival di Sanremo dal 2 al 6 marzo prossimi.

Secondo Indies sarebbe meglio rinviarlo di qualche settimana per magari realizzarlo con la “ripartenza” del mondo della musica dal vivo in primavera.

Tuttavia, nell’eventualità (perché la situazione è ancora fluida a quanto pare – ndr) che le date fossero confermate, si legge ancora chiediamo che l’evento tv, oltre ad essere realizzato seguendo le norme, senza pubblico e senza assembramenti, diventi l’occasione per sostenere il rilancio di tutto il comparto musica, contemporaneamente.

Da qui la richiesta dell’organismo, rivolta all’organizzazione del Festival di Sanremo, come servizio pubblico, di un segnale concreto per marcare la vicinanza a tutti gli operatori del settore.

Il comparto della musica dal vivo, infatti rischia nei prossimi mesi di veder chiudere la metà delle piccole imprese indipendenti, grandissimo patrimonio della filiera tutta perché vero incubatore dei futuri artisti, come dimostrato in questi decenni.

La proposta, pertanto è quella di adottare durante il Festival di Sanremo per la Ripartenza della Musica  un Festival, un Contest, uno Spazio Live, un Teatro per la Musica dal Vivo e altre realta’ simili dando loro spazio e visibilità.

In pratica una sorta di evento diffuso, nel quale, si legge ancora, vengano fatti collegamenti con ospiti musicali e altre personalità presenti in tali spazi (teatri, club, circoli, piazze, musei ecc.) abbinandole agli artisti  in gara.

Un modo, sostiene Indies per promuovere l’universo degli artisti indipendenti ed emergenti, linfa vitale al futuro della musica italiana e quindi dello stesso Festival di Sanremo.

Sottolineiamo ancora che se non ci fosse questa ricca filiera non ci sarebbero i nuovi artisti della musica del nostro Paese e tutto il nostro mercato sarebbe nelle mani di pochi marchi multinazionali.

Il Festival di Sanremo insieme agli artisti in gara e agli ospiti – conclude l’appello – deve cogliere l’occasione di promuovere tutta la musica realizzata in Italia

Si potrebbe anche cogliere l’occasione per presentare un Sanremo Giovani tutto l’Anno che potrebbe partire subito coinvolgendo le principali realtà indipendenti per poi lavorare tutto l’anno in giro per l’Italia a fare scouting e promozione di nuovi artisti.