Scuola: Ministro, il rischio zero non esiste

Il rischio Zero non esiste perché la scuola non è un luogo incontaminato o asettico ed è per questo che ci siamo preparati insieme all’Inail e all’istituto superiore di sanità Ministero della Salute per sapere cosa fare nel caso in cui ci fosse il sospetto di un ragazzo o del personale scolastico affetto da covid”.

Lo ha detto in televisione il ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina.

E’ stato predisposto uno spazio ad hoc nelle scuole – ha spiegato, tra l’altro – in cui lo studente viene accompagnato e viene immediatamente chiamata la famiglia. Purtroppo erano girate notizie che le famiglie venissero escluse addirittura da questo. Sarà poi il sistema sanitario nazionale, il dipartimento di prevenzione territoriale a prende subito in carico il ragazzo se positivo”.

A scuola – ha poi detto – ci sono delle regole molto rigide. Noi siamo preoccupati per il doposcuola perché le stesse regole vanno osservate dagli studenti anche fuori. Perchè gli studenti avranno una vita, faranno attività ricreative sportive usciranno alle famiglie, serve il massimo della responsabilità perché la sicurezza di tutti è un patrimonio fondamentale”.