Sean Penn ha donato il suo Oscar a Zelensky

L’attore americano Sean Penn, in Ucraina per la terza volta dall’inizio della guerra, ha consegnato il suo Oscar al presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

L’attore e regista americano ha voluto portare a Kiev uno dei suoi due Oscar – ha vinto come miglior attore per “Mystic River” nel 2003 e per “Milk” nel 2008.

Lo riporta il sito della Bbc.

Zelensky si è detto onorato del regalo, “un simbolo di fede nella vittoria del nostro Paese”, e ha promesso a Penn che gli gli restituirà la statuetta dopo la vittoria contro la Russia.

Portamelo a Malibu” gli ha replicato Penn.

Nel video pubblicato sul canale Telegram di Zelensky, il Presidente che conferisce a Penn l’Ordine al Merito dell’Ucraina di III grado, ringraziandolo per il suo “sincero sostegno e il suo significativo contributo alla promozione dell’Ucraina nel mondo”.

Penn, noto per il suo attivismo politico quanto per i suoi film, è fuggito dall’Ucraina a marzo mentre girava un documentario sul conflitto.

In seguito ha dichiarato di aver pensato di unirsi alle forze ucraine per combattere contro la Russia.

Da allora non ha interrotto gli sforzi e le iniziative di sostegno al popolo ucraino.

Dopo lo scambio di regali Zelensky ha mostrato all’attore anche una targa che gli rende omaggio a Kiev.

Ci sono solo tre posti che mi riempiono d’orgoglio – ha detto Sean Penn – il luogo dove è nata mia figlia, quello dove è nato mio figlio e questo qui”.