27 ottobre: Giornata Mondiale dei Cugini … o no?

Sta rimbalzando di social in social la notizia che oggi – 27 ottobre – ricorre la Giornata Mondiale dei Cugini. I post riportano anche hastag dedicati, come #happycousinday …. Ma è davvero così?

Sul calendario delle giornate mondiali, però, non sembra essere contemplata una data dedicata specificatamente ai cugini. Come mai?

Eppure, specie se si è figli unici e si vive distanti, la possibilità di rivedere i propri cugini in una giornata loro dedicata non sarebbe affatto male. anzi, l’appuntamento potrebbe ribadire l’importanza del restare uniti, dimostrarsi affetto e ricordare le esperienze passate.

D’altra parte, se esistono le giornate dei nonni, dei nipoti, dei fratelli, perché non esiste la festa dei cugini? Se social non mente, il mistero si infittisce, perché da quanto si condivide sulle bacheche, sembrerebbe scontata l’esistenza di una giornata in cui celebrarli. Un momento in cui scambiarsi un augurio tra persone legate dallo stesso sangue.

Il cugino, quando è giusto, può essere molto di più che un amico e bisognerebbe rendergli grazie per essere presente nella nostra vita, specie nei momenti più bui. Lui, infatti, ci sostiene, non ci fa sentire soli, è un punto di riferimento sul quale poter sempre contare.

Allora, stai a vedere che quella sui social è una provocazione! A voler dire: mobilitatevi! Richiedete a gran voce una Giornata Internazionale dei Cugini! Per confermare il bene che si prova per loro e ricordare i momenti divertenti che hanno segnato la nostra crescita.

C’è anche chi ha commentato che la festa dei cugini tutte le volte che si trascorre con loro un momento importante. Può essere una ricorrenza in famiglia o un semplice pomeriggio insieme.

Ogni circostanza è giusta per poter dire ad un cugino quanto importante sia la sua presenza per noi … Allora, una Giornata Mondiale, serve davvero?