9 maggio: Festa della Mamma. Origini e curiosità

La seconda domenica di maggio non è mai da dimenticare! E’ il giorno in cui ricade la Festa della mamma e, senza attingere a troppi detti popolari … è vero che di mamma ce n’è una sola.

Oltre all’Italia, la festa ricorre nella gran parte dei Paesi, dall’Europa agli Stati Uniti, dal Giappone all’Australia.

In Norvegia, invece, la festa cade la seconda domenica di febbraio, mentre in molti stati si celebra in coincidenza con la Giornata della Donna, ovvero l’8 marzo.

Gettonata anche l’ultima domenica di maggio, scelta, tra gli altri, da Francia,  Algeria, Camerun Haiti, Madagascar, Mali, Marocco, Mauritius, Niger, Senegal, Svezia, Rep. Dominicana e  Tunisia.

E’ una ricorrenza le cui origini si perdono nel tempo, ma sono tutte riconducibili all’idea che la primavera, momento di rinascita della natura, è da associare alla mamma.

In epoca greca e romana le divinità legate alla fertilità femminile erano associate all’agricoltura e, in epoche ancora più antiche, al culto della madre Terra … quindi alla mamma! 

A livello nazionale, occorre comunque fermarsi al 24 dicembre 1933 per trovare la Giornata nazionale della Madre e del Fanciullo.

Si trattò di un evento unico, che premiò le madri più prolifiche,  come valorizzate dalla visione politica del tempo.

Fu però nel 1956 che la Festa assunse la connotazione odierna, per iniziativa del senatore Raul Zaccari, sindaco di Bordighera, che dapprima dedicò una giornata alle mamme della sua città e nel 1958 presentò al Senato un disegno di legge per ottenerne l’istituzione.

Inizialmente era stato indicato l’8 maggio, ma dal 2000 si è preferita la domenica immediatamente successiva. 

L’Italia arriva alla celebrazione nazionale in ritardo, rispetto agli USA, dove la stessa idea circolava fin dal 1873, quando due donne diverse tra loro, Julia Ward Howe e Anna M. Jarvis contattarono il Governo affinché venisse istituita una festa per celebrare tutte le mamme del mondo.

Il primo Mother’s Day fu celebrato a Grafton il 10 maggio 1909 ed ebbe come simbolo il garofano bianco. Da subito, comunque, la politica lo attenzionò.  

Ad esempio il presidente Roosevelt nel 1934 disegnò personalmente un francobollo ufficiale per la ricorrenza, con tanto di annullo dedicato.

In Italia le Poste hanno dedicato vari annulli filatelici alla Festa della mamma e una speciale cartolina postale, oggi oggetto da collezione.  

In ogni caso, Auguri a tutte le Mamme anche da Radio Subasio!