Al museo con il cane. Al via i primi servizi di dog sitter istituzionali

Fino ad oggi se si volevano visitare alcuni musei importanti, bisognava lasciare a casa il cane.

Per sopperire al disagio, la prima agenzia di viaggi a quattro zampe ha ideato un servizio specifico che prende il via in cinque luoghi storici e rappresentativi dell’Italia.

Qui sarà possibile fruire del supporto di dog-sitter certificati che si organizzeranno per far giocare gli amici animali e per farli riposare quando serve così che, scodinzolanti, possano attendere “gli umani” all’uscita del museo.

Il cosiddetto biglietto ‘Salta la coda’, pensato dall’agenzia, è prenotabile per il solo animale o anche per il padrone

Denominata TripForDog.com, questa agenzia sui generis nasce per iniziativa di Marco Fabris “durante un viaggio con il mio cane Mela, con partenza da Milano e destinazione l’estrema Andalusia.  

In quella avventura ci siamo trovati ad affrontare i mille problemi che ogni anno rendono la vita difficile a migliaia di cani e ai loro accompagnatori umani.

Da lì è nato TripForDog, che negli ultimi 6 anni ha portato in vacanza oltre un milione famiglie ‘allargate‘.

La nostra missione è sempre stata quella di agevolare gli spostamenti, le vacanze, le esperienze e le attività di chi vuole viaggiare insieme al proprio cane, prevenendo di fatto l’abbandono

In particolare, quindi, volendo visitare a Roma i Musei Vaticani, la Cappella Sistina, Castel Sant’Angelo, sarà possibile fruire della collaborazione di un dog sitter certificato di fiducia che preleverà il cane all’ingresso e si prenderà cura di lui durante la visita.

Stessa modalità a Firenze per la visita gli Uffizi, alla Galleria dell’Accademia e al Museo del Duomo ed a Pisa per la famosa Torre pendente.

Per gli appassionati di arte e storia non ci saranno più luoghi visitabili ‘frettolosamente’ o lasciando a casa gli amici pelosi!

In alcuni dei siti già collegati, prevista anche la possibilità di usufruire di una guida turistica.