Buon Compleanno Basket … e sono 129 primavere!

Il basket, uno degli sport più amati in tutto il mondo, nacque ufficialmente il 15 gennaio 1892, ovvero 129 anni fa, per opera di uno sconosciuto insegnante di educazione fisica.

Si chiamava James Naismith, era nato in Canada, ma naturalizzato statunitense e lavorava allo Springfield College, in Massachusetts.

Qui, si ritrovò a dove risolvere il dilemma di trovare un gioco per i suoi alunni da fare al chiuso in inverno, che in Massachusetts è freddo.

A Naismith furono dati 14 giorni per inventare un’attività che fosse una “distrazione atletica”. Non troppo dura, ma capace di mantenere i ragazzi in forma e di svolgersi in uno spazio ridotto.

Dopo varie riflessioni, perfezionò un gioco in cui la palla doveva colpire dei cesti da frutta, posizionati a circa tre metri di altezza.

Lo scopo era far entrare la palla nel cesto, con dei tiri a palombella, dolci e precisi, impedendo che i cesti fossero difesi fisicamente dai giocatori.

Naismith mise insieme tredici regole per il suo gioco.

Oltre a proibire di colpire la palla con il pugno e a spiegare cosa fare quando usciva dal campo, prevedevano due tempi da quindici minuti.

La prima partita si svolse, senza molti entusiasmi tra gli studenti, il 21 dicembre 1891 tra due squadre di nove giocatori.

Finì 1 a 0, con l’unico canestro, il primo nella storia del basket, segnato da un ragazzo di nome William R. Chase.

In quell’occasione, qualcuno degli studenti mise insieme la parola “basket”, cesto, e “ball”, creando il nome.

Ma l’ufficializzazione dello sport si ebbe quando le tredici regole che lo rendevano unico, vennero pubblicate sul The Triangle. Appunto 129 anni fa.

Per celebrare l’anniversario anche Google ha pubblicato un simpatico doodle

Il basket è arrivato ai giorni nostri con poche variazioni, a partire dalla forma della palla, a spicchi, come la prima usata dal professore, perché aiutava gli atleti nella presa.

Non ci fu da subito la classica retina del cesto, introdotta solo nel ‘900, mentre il campo era molto più piccolo di quello di oggi.