Capodanno cinese, il 2023 è l’anno del coniglio

La Tigre lascia il testimone al Coniglio. Per il 2023 il Capodanno Cinese, che coincide sempre con il secondo novilunio dopo il solstizio d’inverno, cade il 22 gennaio e proprio questo animale, sarà il simbolo del nuovo anno.

In realtà si chiama Festa di Primavera e va ben oltre la Cina, si festeggia ovunque, da Firenze a Los Angeles, da Sydney a Londra. In fondo stiamo parlando di un qualcosa che riguarda un quarto della popolazione mondiale.

Ma come si festeggia? Ci si deve vestire di rosso (colore che porta fortuna), mangiare tanto, soprattutto pesce, stare in famiglia e fare le pulizie alla vigilia del nuovo anno: si spazza via la sfortuna per accogliere la fortuna. Il giorno di Capodanno invece è di cattivo auspicio mangiare carne e cuocere. I festeggiamenti durano comunque 15 giorni e culminano con la scenografica Festa delle Lanterne: alle luci che volano nel cielo si affidano desideri, ma così ci si libera anche dei dispiaceri.

Passiamo ai segni. Lo zodiaco cinese assegna un animale a ogni anno. Sono 12: Topo, Bue, Tigre, Coniglio, Drago, Serpente, Cavallo, Capra, Scimmia, Gallo, Cane e Maiale, che è l’ultimo. Secondo la leggenda Buddha, sentendo la sua fine sulla Terra, chiamò a raccolta tutti gli animali della terra, ma solo 12 andarono da lui. Come premio per la loro fedeltà decise di chiamare ogni anno del ciclo lunare con il nome di ciascuno degli animali accorsi. Ogni tornata però è associata anche a un elemento: acqua, legno, fuoco, metallo e terra. Il 2023, per l’esattezza, è infatti l’anno del Coniglio d’Acqua, da cui tutti si aspettano davvero tanto.

Ma come saranno i prossimi 12 mesi? Il coniglio è simbolo di prosperità, abbondanza, felicità e, naturalmente, fortuna. E’ considerato un animale gentiletranquillo, responsabile, che difficilmente si perde d’animo e insiste finché non trova una soluzione. Ecco perché secondo i migliori auspici il 2023 sarà un anno di pace e di serenità.