Daniel Craig, che non sognava di essere James Bond ma un supereroe

James Bond sognava di essere Superman, o meglio Daniel Craig da bambino sperava da grande di poter vestire i panni del supereroe.

Durante un’intervista alla rivista inglese Saga, l’attore ha raccontato: “La gente mi dice sempre: ‘Devi aver sognato di interpretare James Bond sin da bambino.’ La risposta è no. Non l’ho mai fatto”, “Ho sognato di essere ogni sorta di altre cose: Superman, Spider-Man, l’Uomo invisibile, persino un buon cowboy vecchio stile. Ma non Bond, cosa che ora sembra ironica” e aggiunto “Sono stato abbastanza fortunato a ottenere uno dei migliori ruoli cinematografici in assoluto. Non c’è stato alcun aspetto negativo nel recitare Bond“. Alla faccia dei tanti che farebbero carte false per diventare l’agente segreto più famoso del mondo.

Craig sarebbe dovuto tornare al cinema il 2 aprile con “No Time to Die”, il 25esimo capitolo della saga di 007. A causa della pandemia è stato tutto rimandato a novembre, il 12 nel Regno Unito e il 25 negli Stati Uniti. In questo film interpreterà per la quinta e ultima volta l’iconico personaggio creato da Ian Fleming. A chi toccherà dopo? La fila dei pretendenti è lunga.

(credits Instagram)