Dichiarata morta, nonna scappa dall’obitorio … ma la storia non finisce bene

E’ surreale la storia accaduta in Russia ad una nonna di 81 anni.

Ricoverata in ospedale a Kursk a causa di un’ostruzione intestinale, ha dovuto subire un intervento chirurgico, ma secondo quanto riportato dai media locali, le cose sono andate storte.

I medici hanno dichiarata morta la donna ed il suo corpo è stato trasferito all’obitorio.

La mattina dopo, però, nonna Zinalda, questo il suo nome, era ancora viva. Un infermiere l’ha trovata sul pavimento, dove era caduta cercando di scappare dalla barella su cui giaceva.

Trasferita nell’unità di terapia intensiva dell’ospedale è scattata la trafila di telefonate quasi tragicomiche.

“È ancora viva”, ha dovuto riferire l’ospedale alla nipote della donna.”Ero felice, ma non capivo come potesse essere accaduto”, ha raccontato la giovane Tatiana.

Successivamente si è scoperto che i medici avevano portato la nonna in obitorio solo un’ora e venti minuti dopo la morte presunta, anziché dopo due ore come prescritto dal regolamento. E’ la ragione per la quale lo staff medico potrebbe essere sanzionato. In ogni caso, il governo regionale ha avviato un’indagine.

La storia, però, non ha un lieto fine, perché meno di una settimana dopo, Zinaida ha dovuto subire una nuova operazione.

All’inizio si sentiva bene, ma poco dopo è morta improvvisamente, hanno scritto i media locali.