Dopo la Lasagna in tubetto arriva la carbonara da bere!

Il giovane chef emiliano Valerio Braschi, di 23 anni, ne ha inventata un’altra. Dopo la lasagna in tubetto, propone infatti la carbonara da bere. L’occasione per pubblicizzarla è arrivata lo scorso 9 aprile, ovvero per il Carbonara day. Questa rivisitazione dell’amatissimo piatto romano non ha calorie e il colore dell’acqua. Della pasta mantiene però l’odore e il sapore del piatto originale.  Ma come si ottiene? Dalla distillazione di un mix di zabaione al pecorino, brodo di pepe nero e crema di guanciale arrosto.

Vi proponiamo la Carbonara distillata… Il gusto della carbonara autentica con le stesse calorie di un semplice bicchiere d’acqua. Mai fermarsi”, ha scritto infatti su Instagram per presentare il nuovo “piatto”.

A febbraio ha fatto invece molto parlare la sua Lasagna 2021, in tubetto, simile a quello del dentifricio. Dentro c’è una crema di lasagna da mettere su uno spazzolino di pasta all’uovo. Il brodo di parmigiano invece si beve a fine degustazione. “Forse un po’ estrema per i puristi, ma vi posso assicurare che, nonostante il cambio d’aspetto e di consistenza il gusto è rimasto intatto”, assicura lo chef, ma anche chi l’ha provata.

(credits Instagram)