Ghali: dal rap al mondo della moda

Giuro non saprei da dove iniziare. A scuola, nei corridoi andavo in fissa per i vestiti degli altri anche se mamma si faceva in 4 per comprarmi quello che avevo addosso. In quel momento capii che non era questione di ingratitudine verso la vita e mia madre ma ero io che stavo prendendo una cotta per le forme e i colori che indossavano le persone“.

Non solo la musica ma anche la moda entra nel presente di Ghali.

Il rapper che ha fatto della contaminazione la sua cifra stilistica, ufficializza anche sui social l’avvio della collaborazione con un marchio italiano che ha fatto dei colori e della libertà di espressione le sue cifre stilistiche.

Per United Colors of Benetton, Ghali, riconosciuto come uno fra gli artisti più influenti della sua generazione, creerà una capsule collection e contenuti che celebreranno i suoi valori e quelli del brand

Ad un certo punto – scrive ancora il rapper – siamo riusciti a trasmettere un pensiero tramite musica e abbigliamento. Il merchandising si è fermato con i tour e ad ogni domanda che mi facevate a riguardo, rispondevo sempre in modo ambiguo perché sapevo che prima o poi sarebbe arrivata l’occasione di rilasciarvi qualcosa di più grande“.

Facciamo arte per accompagnare ed intrattenere le nostre esistenze in questo mondo. È vero che la musica non è ferma, ma non ci possiamo unire per praticarla. Dunque faremo dei vestiti colorati che ci terranno uniti anche distanti“.

E’ la prima volta, si legge in una nota, che United Colors of Benetton si lega ad un artista che incarna i suoi valori.

Italiano nato da genitori tunisini e cresciuto nella periferia milanese, le melodie dei suoi brani miscelano sonorità orientali ed elettroniche, mentre i testi parlano esplicitamente di dialogo e integrazione, con versi in italiano, francese e arabo.

Ogni opportunità di sperimentare ed espandere la mia arte mi appassiona – ha detto Ghali – …. per me è una grande sfida e non vedo l’ora di mettermi all’opera”.