Harry e Meghan: l’intervista fa tremare Buckingham Palace

Che l’intervista di Harry e Meghan non avrebbe avuto toni propriamente distensivi lo si ipotizzava, ma …. è andata davvero oltre le aspettative peggiori.

Durante l’incontro con Oprah Winfrey, in onda negli Stati uniti ieri sera (questa notte ora italiana) sulla CBS sono stati toccati temi molto scomodi.

Dal matrimonio segreto ai pensieri suicidi di Meghan, fino alle preoccupazioni della famiglia reale sul colore della pelle del piccolo Archie, nato a maggio 2019.

Una sequenza di affermazioni particolarmente dure che non riesce a mitigare la bella notizia della nuova gravidanza di Meghan. La coppia ha ufficializzato che Archie la prossima estate avrà una sorellina.

Per il resto, in una sorta di resa dei conti, i duchi del Sussex hanno parlato per due ore delle relazioni con la casa reale inglese (senza riferimenti diretti alla regina), svelando particolari inediti che li hanno poi portati a trasferirsi a Los Angeles e tagliare i rapporti con la famiglia reale.

Tre giorni prima del nostro matrimonio, ci siamo sposati”, ha rivelato la duchessa del Sussex, dicendo che avevano detto il fatidico sì davanti all’arcivescovo di Canterbury, Justin Welby, prima della messa solenne del 19 maggio 2018.

Abbiamo chiamato l’Arcivescovo e abbiamo detto ‘Guarda, questo spettacolo è per il mondo, ma vogliamo che la nostra unione sia tra noi’”.

E’ stato solo quando ci siamo sposati e tutto ha iniziato a peggiorare che ho capito che non solo non ero protetta, ma che loro erano pronti a mentire per proteggere gli altri membri della famiglia. Ma non erano disposti a dire la verità per proteggere me e mio marito”, ha detto Meghan in un passaggio dell’intervista.

L’ex attrice, figlia di madre nera e di papà bianco, ha affermato che i membri della famiglia reale erano preoccupati per il colore della pelle di suo figlio Archie, prima che nascesse.

Dall’inizio della gravidanza avevano espresso “preoccupazioni (…) su quanto sarebbe scura la sua pelle”, “cosa significherebbe e come sarebbe”.

Harry si è rifiutato di dire di più sul contenuto delle conversazioni che ha avuto con la sua famiglia sul colore della pelle del figlio: “Questa conversazione non intendo rivelarla, mai. A quel tempo era imbarazzante, ero un po’ scioccato. Ma è stato dall’inizio. Come sarebbe stato il bambino? È stato all’inizio quando è diventato chiaro che lei (Meghan) non avrebbe avuto protezione”.

Meghan Markle ha quindi rivelato di avere avuto pensieri suicidi a causa della copertura mediatica britannica della sua persona e che la famiglia reale si sarebbe poi rifiutata di lasciarle ottenere aiuto.

Semplicemente non volevo più essere viva. Ed erano pensieri costanti, terrificanti, reali e molto chiari. Ho detto che non mi ero mai sentita così prima (…) e mi è stato detto che non potevo, che non sarebbe stato un bene per l’istituzione”.

Anch’io ero intrappolato – ha ribadito il principe Harrynon riuscivo a vedere una via d’uscita. Ero intrappolato ma non lo sapevo. (…) Sono stato intrappolato dal sistema, come il resto della mia famiglia. Mio padre e mio fratello sono prigionieri. Non hanno la possibilità di andarsene e ne ho molta compassione”.

Quindi, riferito alla vicenda di sua madre Diana, ha detto:Non riesco a immaginare come sia stato per lei affrontare tutto da sola per tutti questi anni, perché è stato incredibilmente difficile per entrambi – ma almeno potevamo contare l’uno sull’altro“.

Abbiamo fatto tutto il possibileper restare nella famiglia reale, ha concluso Harry.