Leonardo Di Caprio, a Firenze come turista… ma anche in cerca delle sue origini

Leonardo Di Caprio ha passato qualche giorno a Firenze, dove non ha fatto solo il turista, ma ha ricercato anche le sue origini. Agli Uffizi, accolto dal direttore Eike Schmidt, ha ammirato tutte le opere, in particolate però si è trattenuto a lungo davanti a “L’Annunciazione” di Leonardo DaVinci, dipinto a cui deve il suo nome. Difronte a quell’opera straordinaria scalciò infatti per la prima volta nella pancia di mamma Irmelin. “Mio padre George pensò che fosse un segno, forse anche perché DiCaprio non suona molto diversamente da Da Vinci. Ecco come scelsero il mio nome“, ha raccontato più volte.

L’attore è stato anche ospite a Palazzo Vecchio e ha passato del tempo con il sindaco Dario Nardella. Il primo cittadino ha postato sui suoi social il messaggio che Leo ha lasciato sul libro d’onore: “Grazie per questa incredibile esperienza“.

Di Caprio sarà in Italia ancora per qualche giorno, chissà che non vi capiti di incontrarlo!

(credits Instagram @leonardodicaprio)