Mondiali di sci: apre Gianna Nannini ma c’è chi non è d’accordo

Ci sarà anche Gianna Nannini alla Cerimonia d’Apertura dei Campionati del mondo di sci alpino, in programma a Cortina d’Ampezzo domenica 7 febbraio.

L’artista dalla voce graffiante porterà sulle Dolomiti la carica del grande rock italiano, condividendo il palco con vari artisti tra cui Francesco Gabbani.

C’è però chi non è d’accordo.

Risale solo a un paio di settimane fa la polemica sollevata dalla Polizia sul video de L’aria sta finendo, l’ultimo singolo della cantautrice toscana.

Le immagini, infatti, mostrano agenti in divisa con facce da maiali picchiare persone di colore inermi.

Una scelta giudicata dalla forze dell’ordine scarsamente rispettosa ma giustificata dalla cantante e dal regista del video animato come la volontà di rappresentare allegoricamente il potere repressivo in sé.

Eppure, il Sap (Sindacato Autonomo di Polizia) sottolinea “deve essere un orgoglio che i mondiali di sci si svolgano in Italia, cosa diversa la decisione di far esibire sul palco la sera della cerimonia di apertura Gianna Nannini.

L’artista, prosegue il sindacato recentemente ha mostrato mancanza di rispetto nei confronti dei rappresentanti delle istituzioni, i quali si sacrificano quotidianamente sulle strade del nostro Paese per garantire la sicurezza di tutti“.

La discussione è aperta ma, al momento. non risulterebbe alcun cambio di programma.

Per quanto riguarda il copione della cerimonia, si parla di un racconto d’impatto visivo che, in 75 minuti, ripercorrerà la storia del grande sci mondiale.

Tutto nascerà dal buio, allegoria dell’attuale momento storico, e si rinnoverà in ogni passaggio.

Attraverso l’ausilio di luci e suoni verrà mostrata la cultura e la storia di Cortina d’Ampezzo, patria degli sport invernali sin dalle Olimpiadi del ’56, per proseguire sul filo del futuro.

Emozionali si annunciano le performance sinestetiche del Carnevale di Venezia, scenografia per accogliere Tina Maze, campionessa mondiale e olimpica.

Lo spettacolo continuerà con l’ammaliante atmosfera dell’Arena di Verona.

A rappresentare la storia e il folklore ampezzani saranno anche le note del Corpo Musicale di Cortina d’Ampezzo.

Il messaggio, spiega l’organizzazione, è ribadire che lo sport, la speranza e la passione sono il motore per guardare avanti con fiducia.