Natale, l’albero fa bene all’umore e il presepe è terapeutico

Questo periodo dell’anno è molto particolare, c’è chi vorrebbe non finisse mai, e chi spera che il 7 gennaio arrivi il prima possibile.

Complice anche la situazione attuale poi, un quarto degli italiani del Natale ne farebbe proprio a meno. Regali e soldi che escono a parte, secondo i sociologi, gli abitanti del Bel Paese preferirebbero non passare ore e ore con quei parenti che non sopportano, ma eviterebbero anche le lunghe mangiate. Eppure qualcosa si può fare.

Secondo gli esperti la serenità in questi giorni può arrivare proprio da due simboli delle festività: il presepe e la Messa della Notte del 24 dicembre. Il presepe diventa addirittura terapeutico se il momento in cui lo si allestisce è vissuto in condivisione con la famiglia e gli amici più cari.

Anche l’albero e le lucine però fanno bene. Gira da un pò la notizia che addobbare la propria abitazione in anticipo rende più felici. Vivendo tra ansie e preoccupazione, avere una casa vestita a festa, aiuta ad affrontare, almeno in questo periodo dell’anno, le giornate con più leggerezze e serenità.