Novak Djokovic, ancora in dubbio gli Australian Open

Sembrava tutto risolto, ma l’Australia può ancora ordinare l’espulsione di Novak Djokovic dal Paese. Dopo che al campione era stato negato il documento di ingresso, perché non vaccinato contro il Covid, il giudice del tribunale di Melbourne, Anthony Kelly, ha annullato la decisione del governo e ordinato il suo rilascio dalla quarantena. Djokovic avrebbe infatti fornito un’esenzione medica valida.

Adesso però Christopher Tran, legale che cura la causa per l’esecutivo, ha affermato che il ministro dell’Immigrazione si riserva il potere personale di espellerlo. Se questo dovesse succedere il serbo non solo non parteciperebbe ai prossimi Australian Open, ma non potrebbe rientrare su suolo australiano per ben tre anni.

(credits Instagram)