Palestra: in 18 milioni di italiani non vedono l’ora di tornare!

Sono 18 milioni gli italiani amanti dell’attività sportiva ed attenti al wellness che non vedono l’ora di rientrare nelle 8.114 palestre e centri fitness presenti sul territorio nazionale.

E’ quanto emerge da un’analisi di Coldiretti su dati Istat coincidente con la riapertura in quasi tutta la Penisola di palestre e piscine dopo il lungo periodo di lockdow di oltre 3 mesi. Nonostante gli italiani siano rimasti in casa – sottolinea Coldiretti – in molti hanno cercato di non perdere le buone abitudini. Durante la quarantena il 28% non ha praticato alcun tipo di attività fisica (pilates, yoga, attività aerobica, camminata veloce o running), il 13% ha ridotto al frequenza, il 17% una o due volte la settimana, il 23% tre o quattro volte la settimana e il 19% cinque o più volte la settimana.

La Fase2 del fitness ha comunque introdotto norme stringenti, che in parte cambieranno il modo di allenarsi. Succederà ad esempio negli sport che prevedono attività a stretto contatto con un’altra persona, pur non essendo sport di gruppo, come la ginnastica ritmica che quindi eliminerà per ora quegli esercizi. Molti limiti anche per il nuoto, non a caso parecchie piscine si prenderanno altri giorni prima di ricominciare al 100% e in sicurezza.

E’ innegabile, però, che il graduale ritorno alla normalità venga accolto da molti con soddisfazione, soprattutto perchè i maggiori consumi alimentari non hanno salvato dall’aumento di peso stimato da Coldiretti in quasi 2 chili a testa. Ad essere esploso il cosiddetto “comfort food” ricco di calorie, zuccheri, grassi e carboidrati: +150% farine e semole, +14% pane, crackers e grissini, +7% pasta e gnocchi, +38% impasti base e pizze, +13% dolci, +24% primi piatti pronti oltre al +37% di olio semi usato per fritture di ogni tipo, dolci e salate durante il lockdown.

L’effetto del maggior consumo di cibi calorici è stato aggravato spesso dall’abbinamento con bevande alcoliche. Non è quindi un caso che secondo l’indagine on line di Coldiretti più di 1 italiano su 3 (39%) si è messo a dieta per prepararsi alla prova costume. Con la riapertura delle spiagge la perdita di peso diventa quindi un obiettivo prioritario da raggiungere quindi con l’aiuto che arriva dalle palestre ma anche dalla di frutta e verdura, da consumare con insalatone, smoothies frullati e centrifugati anche in spiaggia.