Pino Daniele: 6 anni senza ed è sempre un dolore

Il 4 gennaio 2015 fu una lunga notte, il suono della pioggia copriva il rumore che c’era, anche l’acqua ne conserva memoria, lacrime che materializzano emozioni e sentimenti, la salinità lascia la scia in cui ci raccogliamo per viverne ancora il dolore, dolore, che ci tiene ancora per un istante stretti a te

Lo scrive Alex, primogenito di Pino Daniele, insieme alla sorella Cristina, per ricordare il sesto anniversario dalla morte del padre.

Il 4 gennaio 2015, infatti, la musica italiana perdeva uno dei suoi artisti più rappresentativi e la città di Napoli uno dei suoi simboli.

Il cantautore, dalla carriera quarantennale aveva collaborato con musicisti e cantautori italiani e internazionali fra i più grandi. Da Franco Battiato a Francesco De Gregori, passando per Lucio Dalla, James Senese, Claudio Baglioni, Pat Metheny, Eric Clapton, Joe Bonamassa.

La sua è una perdita incolmabile, che sta tutta nella frase “il dolore ci tiene stretti a te, papà“.

Il loro post è pubblicato sui profili social di Pino Daniele e commenta un video in cui l’artista canta Dammi una seconda vita nel 2004 a Napoli in Piazza del Plebiscito.

Anche gli altri tre figli di Pino, avuti dalla seconda moglie Fabiola Sciabbarrasi, Sara, Sofia e Francesco, ricordano spesso il papà sui profili social personali o su quello dell’altra associazione dedicata all’artista, Pino Daniele Forever Onlus.

Fra gli artisti che oggi hanno voluto ricordarlo, Irene Grandi, sulla sua pagina Instagram scrive, tra l’altro “oggi ci lasciava Pino Daniele, sempre vivo nei nostri cuori… ovunque sia adesso… lo immagino ancora a cantare per le stelle ….