Textlationship, quando una una relazione si basa solo sui messaggi!

Avete mai sentito parlare di textlationship? E’ una nuova forma di “rapporto”: non ci sono contatti fisici, ma solo messaggi, anche centinaia al giorni.

E’ roba da millenials, ma soprattutto da maschietti adulti. Si sceglie, più da una parte che dall’altra, di mantenere rapporti a distanza di “sicurezza”, ma c’è sempre chi ne rimane scottato. Optano infatti per questo tipo di relazioni persone già impegnate e in cerca di distrazione o giovani (in particolar modo ragazze) alle prime armi, non ancora pronti al “contatto”. L’incontro reale non avviene praticamente mai, e non perché si vive in città diverse, magari Paesi, o per le restrizione portate dalla pandemia, semplicemente la storia, se così si può chiamare, è basata solo sui messaggi che danno la percezione di essere occupati con qualcuno, quando questo qualcuno in realtà quasi sempre è impegnato fisicamente con qualcun’altro.

Le persone coinvolte nel textlationship diventano però molto intime, forse perché così si riescono ad abbattere diversi tabù. Fatto sta che parliamo di un gioco perverso che fa soffrire emotivamente la persona più coinvolta, quella che vorrebbe davvero arrivare al passo successivo. Di norma, però, poi segue il ghosting, ovvero il silenzio totale.