Torna l’ora solare…

Sta per tornare l’ora solare. La notte tra il 30 e il 31 ottobre dovremo spostare le lancette indietro di 60 minuti. Non sarà però un addio all’ora legale, la proposta della Commissione Europea di introdurre il modello dell’orario unico è ancora in stallo.

Questo weekend dormiremo quindi un’ora in più, ma farà buio prima e il nostro corpo ne risentirà. Questo cambiamento influisce sul ciclo del sonno con il rischio di insonnia, ansia, nervosismo, malumore e tensione muscolare. L’alimentazione quindi può aiutare, e non poco. La Coldiretti ha stilato un vademecum dei cibi utili e di quelli da evitare.

Si a pasta, riso, orzo, pane e tutti gli alimenti che contengono un aminoacido, il triptofano, che favorisce la sintesi della serotonina, il neuromediatore del benessere e il neurotrasmettitore cerebrale che stimola il rilassamento. Ok nella dieta serale anche a legumi, uova bollite, carne, pesce, formaggi freschi. La serotonina aumenta con il consumo di alimenti con zuccheri semplici come la frutta dolce di stagione. Tra le verdure al primo posto la lattuga, seguita da radicchio rosso e aglio, perché conciliano il sonno, ma anche zucca, rape e cavoli. Un bicchiere di latte caldo, giusto prima di andare a letto, che oltre a diminuire l’acidità gastrica che può interrompere il sonno, fa entrare in circolo durante la digestione elementi che favoriscono una buona dormita per via di sostanze, presenti anche in formaggi freschi e yogurt, che sono in grado di attenuare insonnia e nervosismo. Infine un buon dolcetto ricco di carboidrati semplici ha un’azione antistress, così come infusi e tisane dolcificati con miele che creano un’atmosfera di relax e di piacere che distende la mente.

Cosa invece è bene evitare? Sicuramente caffè, tè , cioccolato, fritti, insaccati, alimenti affumicati e alcol.