A Enrico Ruggeri il Premio Tenco alla carriera!

Enrico Ruggeri, è tra gli artisti che quest’anno ricevono il Premio Tenco alla carriera!

Nella motivazione si legge “ondivago tra le tipiche atmosfere del rock, così dense di stimoli suggestivi, e il mondo evocativo della chanson, ama scavare nel ramificato universo dei sentimenti e delle emozioni con il linguaggio discorsivo della quotidianità, lontano da ogni pretesa o artificio letterario.

Eppure, grazie anche all’uso di rime e assonanze sapientemente distribuite con apparente noncuranza, si dimostra sapiente creatore di originali costrutti espressivi.

Musiche sempre accattivanti sanno rivestire i suoi testi creando originali connubi che sono poi esaltati da un inconfondibile timbro vocale. Quando si dice l’artista…“.

Questa sera, giovedì 21 ottobre, Enrico Ruggeri si esibirà al Teatro Ariston di Sanremo con un set che ripercorre il suo percorso nel mondo della musica, in occasione della prima serata della 44a edizione della Rassegna della Canzone d’autore – Premio Tenco 2021.

Il cantautore – spiega una nota – non saliva sul palco del Tenco dal 1988.

Ha scritto pezzi di storia della musica italiana, per se stesso, per i Decibel e per altri grandi artisti. In oltre 40 anni di carriera come cantautore, ha vinto 2 edizioni del Festival di Sanremo.

Affonda le sue radici nel punk, in bilico tra rock e synth pop senza mai rinunciare alla melodia.

I suoi brani si contraddistinguono per l’urgenza creativa e la duplice anima, resa celebre dal suo disco del 1990 “Il falco e il gabbiano”: il falco è l’animale aggressivo mentre il gabbiano è quello poetico per eccellenza.

Attualmente sta lavorando al nuovo album di inediti “La rivoluzione” di prossima uscita.

Dopo la cerimonia, inoltre, Ruggeri è atteso a Chiavari (Genova) per il ritiro con la Nazionale Cantanti, in vista della partita del 23 ottobre allo stadio comunale in memoria del Sindaco di Chiavari Marco di Capua scomparso prematuramente.

La Nazionale Cantanti sfiderà la squadra Campioni del Cuore.

L’incontro segnerà il debutto nelle fila della Nazionale di Alessandro Cattelan, definito da Enrico “nostro amico, persona sensibile, grande amante del calcio, autorevole regista difensivo”.

L’incasso sarà destinato all’Opera Diocesana Villaggio del Ragazzo che promuove e gestisce servizi educativi, socio-sanitari, assistenziali, per il lavoro, la formazione e l’aggiornamento professionale, con la quale il sindaco scomparso collaborava da sempre.